Copioni : El primero sueno

MARIONETTE

aa45a58280304136078c7c7738d36918_largeCOPIONI PER BAMBINI

Storia teatrale di Miriana Ronchetti   iscritta come  autrice alla SIAE con posizione autore   95069

Durata  circa 60’

Personaggi : 5

 

Storia teatrale onirica presentata dai bambini del corso di teatro di teatro arte orizzonti inclinati

Diario teatrale pittorico maturato dalla riflessione sull’operato di Joan Mirò

Trama

La storia : “un sogno di colori nell’immaginario infantile”

Quattro ragazzini, dopo aver visitato la mostra di Joan Mirò, decidono di raccontare con i loro pensieri , poesie, musica, danza, quello che il loro animo ha provato nel guardare le opere presenti nella mostra.
Ne deriva un giocoso e poetico altalenarsi di momenti magici e cenni sulla terra di Spagna, i suoi colori e l’emozionante suono delle sue chitarre.
La lingua parlata dai giovani attori e l’Italiano ma anche lo spagnolo, nelle poesie.

Si tratta di un “Ensamble” semplice ma toccante nel quale un allievo scenografo, è presente sulla scena e durante la recitazione dei compagni, dall’inizio alla fine, inizia e completa un’installazione onirica collegata all’insieme ; sarà la scena dello spettacolo.
“Mentre scorrono i pensieri, nel tempo del primero sueno, l’opera si conclude, la fantasia si è liberata e la creatività esulta nel suono dell’arte”

ANTEPRIMA : EL PRIMERO SUENO

Un giorno i nostri insegnanti di teatro ci hanno detto che

Dovevamo andare a visitare una mostra molto

importante. Ok, va bene!  Siamo abituati a fare  cose

simili anche con la scuola

 

Federico              e così siamo andati alla mostra, qui  a Villa Olmo

 

Giada                  Dovremmo dire una cosa  che a noi è sembrata strana, ma

che poi abbiamo capito

 

Chiara                Miriana e Pietro ci hanno chiesto ad un certo momento, di

sederci in mezzo alla grande sala e guardare,

semplicemente guardare.

 

Federico             E noi così abbiamo fatto. Io, poi, avevo un bel problema

 

**********

 

Giada               I colori, i segni , le linee e le forme ci hanno dato l’idea di

qualcosa  che nella realtà non esiste, ma se lui li ha

disegnati, da qualche parte  ci saranno. Se non sono visibili

all’occhio umano, saranno cose che sono  dentro di noi.

 

Chiara             come quando si chiudono gli occhi e si sogna. Ed è proprio

di un sogno che vogliamo parlarvi…

quando l’arte incontra un artista, avviene una fusione. Uno

ha bisogno dell’altra.

 

Giada              Quando gli elementi insieme incontrano il sogno, nasce una

cosa unica irripetibile :

 

 

************

Federico         Ioan Mirò  nasce nel 1893 a Barcellona, nella Catalogna,

legge)          in  Spagna. In un suo scritto , in un diario, scriveva…

“Noi catalani pensiamo che bisogna avere i piedi ben

attaccati alla terra, se si vuole saltare su verso il cielo.

 

Giada                I colori, i suoni e le dolcezze dei tramonti , i volti della

gente di Spagna

hanno fatto crescere nel signor Mirò, le emozioni che ci

trasmette con le sue opere

 

************

 

Padre nostro que estas en la tierra

En el agua, en el aire

De toda nuestra extensa latitude silenciosa

Todo lleva  tu nombre, padre, en nuestra morada.

(P. Neruda)

 

************

 

Y miro  hacia  el suelo

De noche rodeado

En sueno y  en olvido sepueltado

 

Chiara             In un sogno tutto può accadere, ci si perde  e ci si ritrova:

magari può capitare di ritrovarsi appesi ad un filo oppure

dentro ad un piccolo punto o in una bolla di sapone.

**************

 

Musica  sulla quale  si ritrovano come all’inizio dello spettacolo: prima volano come uccelli , poi si siedono e poi abbassano il capo .


Visit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On YoutubeVisit Us On Linkedin